Siria: terroristi ed armi chimiche

131

siria cartina

Lo Stato islamico è entrato in possesso di armi chimiche. L’allarme è stato lanciato dal direttore del Dipartimento per la non proliferazione ed il controllo degli armamenti Mikhail Ulyanov del Ministero degli Esteri russo.

“Abbiamo già accertato dei casi di utilizzo di armi chimiche, la cui produzione richiede l’utilizzo di tecnologie piuttosto complesse, in Siria ed in Iraq. Nonostante ciò, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite non ha finora condannato questi fatti prima di tutto a causa della posizione dei nostri partner occidentali”.

“Il mandato congiunto delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) sullo studio dei casi sospetti delle armi chimiche in Siria potrebbe essere esteso per il territorio iracheno, ha detto. Non c’è stata alcuna decisione in tal senso, ma abbiamo già predisposto il progetto sul tavolo del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite diverse settimane fa”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.