Formula 1 – Hamilton supera Schumi

47

Hamilton – A Portimao il britannico ha migliorato il record del tedesco, eguagliato due settimane fa. Successo numero 92 per lui, uno in più del record di Michael Schumacher eguagliato due settimane fa in Germania, l’8° dell’anno. Segnali incoraggianti dalla Ferrari: Leclerc conferma i progressi.

Il sei volte campione del mondo trionfa anche a Portimao dove la F1 non aveva mai corso: successo numero 92 per lui, uno in più del record di Michael Schumacher eguagliato due settimane fa in Germania, l’8° dell’anno. Il britannico, colpito dai crampi alle gambe nella parte finale, vola a 256 punti in classifica incassando anche l’extra per il giro veloce. “Stai riscrivendo la storia” gli dicono dal muretto.
Nessuno lo ferma più. “Devo tutto ai ragazzi in fabbrica e qui in pista, che continuano a innovare e a spingere i limiti più in alto. Un privilegio lavorare con loro. Nessuno di noi si siede sugli allori. Oggi è stata difficile, le temperatura hanno giocato un ruolo importante. Sono partito bene, poi alla curva 7 ho avuto un sovrasterzo impressionante, ho dovuto alzare il piede pensando di poter recuperare dopo. Alla fine ho anche avuto un crampo al polpaccio destro, ma sono riuscito ad arrivare in fondo. Potevo solo sognare di arrivare a questo traguardo di 92 vittorie. Quando ho scelto di entrare in questo team non sapevo che avrei potuto riuscirci. Qui c’è anche mio padre, la mia mamma adottiva e il mio cane Roscoe. E’ una giornata speciale. Mi godo questo momento, e so che continuerò a spingere al massimo”.
Dunque doppietta Mercedes nel Gran Premio di Formula 1 del Portogallo. Vittoria per Lewis Hamilton che precede il compagno di squadra Valtteri Botttas e la Red Bull di
Max Verstapppen.
Valtteri Bottas: “Il giro d’apertura è stato buono, c’era un po’ di pioggia che ha reso difficile ad alcune vetture il loro inizio, avvantaggiando quelle con la gomma morbida, ma ero soddisfatto di essere al comando. Ad essere onesto, oggi non avevo il giusto ritmo, ho provato a difendere la posizione, certo, ma quando Lewis è arrivato non c’era niente che potessi fare, stavo spingendo forte, ma non abbastanza. Alla fine, ho optato per continuare comunque a spingere, puntando sulle soft, ma non credo che avrebbe poi fatto la differenza per la prestazione di oggi. E’ stata dura per me e vedrò con la squadra dove posso migliorare e fare meglio, per tornare ancora più forte nel prossimo finesettimana ad Imola”.
Per la Ferrari ecco le parole di Charles Leclerc: “Quella di oggi è stata una gara solida, nella quale è stato evidente che abbiamo fatto progressi e questo è importante per tutta la squadra e per me personalmente. Abbiamo lavorato molto sul nostro passo gara e finalmente abbiamo avuto un weekend buono sia in qualifica che in gara. Il primo stint è stato molto difficile e nei primi giri è stato fondamentale rimanere concentrati per gestire la situazione, dal momento che avevo perso diverse posizioni per il fatto di partire con gomme Medium. Giro dopo giro però sono entrate in temperatura e rapidamente sono riuscito a tornare in quarta posizione.
È bello vedere che stiamo progredendo gara dopo gara e se guardo alla mia performance personale devo dire che questa fino ad ora è stata una buona stagione. C’è però ancora molto da fare, con tanti aspetti sui quali devo ancora migliorare. Alla fine dell’anno spero che guarderò a questa stagione e la ricorderò come un’annata positiva”.
Sebastian Vettel aggiunge: “Non posso essere soddisfatto di una gara nella quale sono riuscito a ottenere solamente un punto. Purtroppo, non ho azzeccato una buona partenza e così invece di guadagnare posizioni ne ho persa una e per noi in questa stagione i sorpassi non sono per niente facili.
Quando ho avuto pista libera, comunque, il passo era abbastanza buono ed è questo che mi porto a casa di positivo da qui. Con delle qualifiche migliori avremmo potuto centrare un risultato più soddisfacente”
Max Verstappen: “Nel complesso sono contento del terzo posto e penso che sia il posto dove ci aspettavamo di essere. Ho provato tutto quello che potevo e l’inizio ovviamente non è stato così facile con un po’ di pioggia e poco grip, il che significava che le temperature delle gomme erano molto basse per i primi giri. Ho avuto un piccolo contatto con Sergio ma fortunatamente non ho avuto danni e poi ha iniziato a piovere un po’ quindi ho solo cercato di tenere la macchina in pista e stare fuori dai guai. Non so come ma le McLaren avevano molto grip nel primo giro, quindi una volta passata la pioggia le ho superate per tornare in P3 e poi mi sono concentrato sulla mia gara.
“Per qualche motivo la gomma morbida non funzionava così bene oggi, ma una volta che ci siamo fermati ai box e siamo passati alle gomme medie avevamo un buon ritmo ed era abbastanza buono. Ovviamente già a quel punto il distacco dalla Mercedes era particolarmente grande quindi non potevamo fare nulla, ma possiamo ancora essere contenti di un altro podio. Non sono sicuro di quale sia stato il tempo del pit stop ma oggi è stato molto veloce, quindi penso che i meccanici meritino tutti una birra stasera per essere stati i migliori nel paddock”.
Il prossimo appuntamento è fissato al weekend, quando la Formula 1 tornerà per l’ennesima volta in stagione in terra italiana, con il GP di Imola.
Gli organizzatori del Gran Premio di Formula Uno dell’Emilia-Romagna, sperano di poter permettere a chi ha già comprato il biglietto di assistere al Gran Premio dagli spalti: lo hanno spiegato con una nota di ‘Formula Imola’, la società che gestisce il circuito. “Speriamo – scrivono – che le istituzioni riconoscano l’opportunità di sperimentare una modalità innovativa di gestione delle tribune all’aperto con il distanziamento sociale assicurato per consentire il proseguimento di attività economiche altrimenti destinate all’estinzione, soprattutto nell’ottica di garantire un futuro a tali strutture ed alle migliaia di operatori del settore”.

Se non dovesse esserci questa possibilità, assicura Formula Imola, ci sarà “una modalità di rimborso adeguata” per chi ha comprato i biglietti, ma gli organizzatori sperano molto di poter scongiurare questa sgradita possibilità.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *