Scherma – Cerimonia di premiazione coppa del mondo 2014-15

149

scherma flamingo bonsanto

Sono stati assegnati nel corso della cena di gala che ha concluso i lavori del Congresso della Federazione Internazionale di Scherma, i riconoscimenti ai vincitori della Coppa del Mondo nelle varie specialità, per la stagione 2014-2015.

Per l’Italia, a raggiungere Guanghzou, in Cina, sono stati Rossella Fiamingo 

La prima ha infatti ritirato la medaglia attestate il successo nella classifica internazionale di categoria, figlio anche del punteggio acquisito a Mosca con la vittoria del titolo iridato. Rossella Fiamingo ha così riportato in Italia la Coppa del Mondo, 25 anni dopo la finora unica affermazione nel ranking mondiale a firma di Elisa Uga.

Francesco Bonsanto, dal canto suo, ha invece vinto la Coppa del Mondo di sciabola maschile Giovani. L’atleta foggiano ha così iscritto il proprio nome nell’albo d’oro dei vincitori della classifica stagionale di sciabola maschile under20, affiancandosi a quelli di Tonhi Terenzi, Giovanni Sirovich, Aldo Montano, Luigi Samele e di Luca Curatoli, quest’ultimo vincitore lo scorso anno.

L’Italia ha anche festeggiato altre due Coppe del Mondo conquistate a livello individuale: Elisa Di Francisca (rimasta in Italia per preparare il Grand Prix FIE di Torino) vincitrice della Coppa del Mondo di fioretto femminile 2014-2015 che, con la sola eccezione del 2006, l’Italia si aggiudica consecutivamente dal 1991, e Roberta Marzani, che ha primeggiato l la classifica internazionale di spada femminile under20.

Inoltre, la Federazione Italiana Scherma ha ricevuto anche la medaglia celebrativa per la conquista della Coppa del Mondo di sciabola maschile a squadre, vinta lo scorso anno grazie al successo iridato ottenuto a Mosca ma anche in virtù degli ottimi risultati della compagine azzurra nel corso dell’intera stagione, ed anche quella ottenuta in seguito alla vittoria della classifica per Nazioni ai Mondiali Giovani Tashkent2015.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.