Volley: impresa Novara e ko Pomi

125

image La Igor Gorgonzola Novara sconfigge Pomì Casalmaggiore al tie-break, avvicina le rosa in classifica e vendica le sconfitte subite nelle finali Scudetto e Supercoppa 2015. Le azzurre di Marco Fenoglio, reduci da due sconfitte e dalla trasferta di Champions League a Baku, scende in campo battagliera e supera meritatamente una Pomì poco aggressiva e determinata. Nota positiva per coach Barbolini: Piccinini ritrova lentamente il ritmo partita, resta in campo tanti minuti, e mette a segno qualche punto pur senza forzare.

La cronaca. I sestetti: Casalmaggiore con Bacchi, Novara con Bonifacio al posto di Chirichella. Pomì subito avanti 0-2. Ma è un fuoco di paglia: Igor non vuole inseguire, ci mette più grinta e, con Fabris in battuta, si porta sul 5-2. Le padrone di casa mantengono le distanze grazie al servizio più efficace, e poi scavano un fossato con Cruz e Fabris implacabili. Sul 21-14, entra Piccinini, ma ormai è tardi per interrompere l’inerzia azzurra. Le piemontesi, pur reduci da una trasferta di 4500 chilometri in Azerbaijan, sembrano più fresche delle rosa e Guiggi stampa il 25-19 su Kozuch.

Nel secondo set la Pomì Casalmaggiore sembra scossa e va subito sotto 4-1. Le ospiti si aggiudicano uno scambio lungo e paiono svegliarsi: 5-3. Ma Novara gioca più sciolta e concentrata e non si fa acciuffare da una Pomì troppo ferma sulle gambe: 9-6. Il 9-9 arriva con Tirozzi in battuta, ma Novara continua a giocar meglio: 12-10. Kozuch torna ad incidere, Lloyd ad orchestrare come sa: 17-17. Il muro rosa non impaurisce gli attacchi di Cruz e Fabris. Qualche decisione arbitrale contestata – arriva un cartellino giallo per Barbolini – conduce al finale di set. E’ Novara a metterci il cuore e a prendere il largo: 25-21.

Il terzo parziale si apre con Gibbemeyer che schiaccia il punto dell’1-0, Kozuch quello del 2-3. Per quanto ancora piuttosto ferma sulle gambe e imprecisa, la Pomì ritrova fiducia e riapre il match: 7-12. Fabris non martella più, a Novara non basta la grinta di Guiggi. Tanti errori da entrambe le parti, ritmi lenti: Fenoglio prova a gettare nella mischia Bosio e Wawrzyniak, ma Pomì si porta sul 18-25 e riapre la partita.

Il quarto set è decisivo, ed entrambe le squadre giocano poco tranquille. Novara prende il largo (6-4), ma Sirressi prende tutto e Tirozzi forza in battuta: 6-10. Lloyd insiste a chiamare in causa una Piccinini non ancora pronta per randellare, Gibbemeyer è disattenta e commette invasione e l’Igor ne approfitta per rimettere la testa avanti: 15-14. Nessuno ci sta a perdere: la partita finalmente si infiamma. Pomì ritrova il muro per il 17-19. Ma non è finita: 20 pari, e tutto da rifare. La Pomì mantiene i nervi saldi, Cruz sbaglia in battuta e si va al tie-break.

Quinto set al cardiopalma, errori da una parte e dall’altra. Guiggi schiaccia, Cruz mette a segno un ace, e le azzurre prendono il largo: 7-4. La Pomì, pur non giocando come potrebbe, guadagna il 10-10. Signorile però sfrutta al meglio le sue bocche di fuoco Cruz e Fabris e Novara sfata finalmente il tabù Casalmaggiore.

IL TABELLINO DELL’ANTICIPO:
IGOR GORGONZOLA NOVARA – POMì CASALMAGGIORE 3-2 (25-19, 25-21, 18-25, 23-25, 15-11)
IGOR GORGONZOLA NOVARA: Fawcett 11, Wawrzyniak 2, Malesevic 2, Guiggi 16, Cruz 22, Bonifacio 7, Sansonna (L), Signorile, Mabilo, Bosio, Fabris 22. Non entrate Bruno, Chirichella, Bosetti. All. Fenoglio.
POMì CASALMAGGIORE: Bacchi 3, Lloyd 2, Sirressi (L), Gibbemeyer 9, Cambi, Piccinini 6, Kozuch 27, Stevanovic 13, Tirozzi 11. Non entrate Cecchetto, Ferrara, Olivotto, Rossi Matuszkova. All. Barbolini.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.