Volley – Modena soffre due set e poi cambia marcia, con Bolzano sono tre punti

VOLLEY LJ MODENA SQUADRA
Le bianconere conquistano lottando il primo parziale, cedono il secondo, poi ritrovano giocate e soluzioni utili per chiudere la partita senza grossi patemi. I tre punti conquistati valgono il quinto posto matematico, ad una sola distanza da Novara quarta.

Risultati parziali:

25-21

21-25

25-12

25-17

Durata dell’incontro: 1h 41min

Primo arbitro: Bruno Frapiccini
Secondo arbitro: Alessandro Oranelli
Spettatori: 2153

Primo set.

C’è ancora da attendere per il rientro di capitan Di Iulio in casa bianconera, percui coach Beltrami conferma in posto quattro Scuka al fianco di Horvath. Il resto della formazione è quella classica con Ferretti al palleggio, Diouf opposta, Heyrman e Folie al centro, Arcangeli libero.

Per Bolzano c’è Brcic al palleggio, Mambru in diagonale a lei, Page e Martinez sono i posti quattro, Garzaro e Manzano le centrali con Paris libero.

Subito un punto di Scuka ad aprire il match poi il muro di Folie. Parte forte Modena e conquista un paio di lunghi scambi. 5-2 sulla pipe di Horvath e poi 8-4 sull’attacco vincente di Diouf. Heyrman batte out e Bolzano ne approfitta per aprire un parziale di 6-0 che culminerà con la pipe di Martinez per l’8-10. Subito time out per coach Beltrami e poi attacco di Diouf e contrasto a rete che premia Modena per l’immediata parità. Bolzano, però, scatta ancora avanti con Mambru e coach Beltrami ferma ancora il gioco sul 15-17 dopo il primo tempo vincente di Garzaro. Mambru trova anche il mani out del 18-20, coach Beltrami prova a dare più peso all’attacco inserendo Rivero per Horvath e sarà proprio la spagnola a deviare sul nastro il pallone per il sorpasso sul 21-20. Proteste della panchina di Bolzano, giallo e poi rosso subito dopo il time out chiamato da coach Micoli, ma ormai la paura è passata e sull’attacco out di Martinez Modena chiude 25-21

Secondo set.

Horvath torna in sestetto dall’avvio del secondo parziale che, però, è favorevole a Bolzano subito avanti 5-1 con la battuta out di Folie e l’attacco che ha medesima destinazione di Diouf. Modena rientra subito, ma non aggancia. Il muro di Folie vale il 7-8, poi ancora un parziale per le ospiti che porta al 7-12 del time out tecnico firmato dall’ace di Mambru. Folie trova il cambio palla, poi la fast di Manzano prima del tentativo di rientro bianconero che coach Micoli prova a fermare sul 12-14 chiamando il suo primo time out discrezionale dopo il muro realizzato da Heyrman. Si accorciano le distanze con Heyrman che controlla il pallone del 14-15 spegnersi prima di tornare nella metà campo modenese e poi al termine di una lunga azione c’è l’invasione di Bolzano per il punto della parità sul 19-19. Sul momento del ricongiungimento, però, Bolzano tiene testa e non si fa scavalcare a differenza del parziale precedente. Riuscendo a bloccare Scuka le ospiti chiudono a proprio favore 25-21 il set e rimettono in parità l’incontro.

Terzo set.

Dopo il brutto finale del set precedente parte subito forte il sestetto modenese con due punti di Diouf ed uno di Folie che poi bisserà con l’attacco del 4-1. Bolzano va sotto 7-3 dopo un’invasione a rete, prova ad accorciare con l’ace fortunoso di Garzaro che pizzica il nastro e cade nel campo avversario. Il coach ospite Micoli con la sua squadra che inizia a subire in maniera più continua prova anche a cercare qualcosa dalla panchina con gli ingressi di Veglia al centro e Lazic in posto quattro, poi anche di Newsome al palleggio. Due muri consecutivi, uno di Ferretti ed uno di Horvath, spegnono ogni velleità ospite e il parziale scivola via pian piano, con Diouf che in mani fuori chiude 25-12 e riporta avanti la sua squadra nel conto dei set.

Quarto set.

Deve chiudere in questo set Modena per portare a casa tre punti e ci prova partendo subito forte con due punti di Scuka nelle prime fasi e poi con Horvath che inizia a bombardare dai nove metri e anche in attacco. Tre suoi punti consecutivi valgono il 10-6 e il primo time out discrezionale per il tecnico ospite. Mambru trova il cambio palla poi spinge con troppa forza un pallone in palleggio in banda che finisce sul seggiolone dell’arbitro per il 12-8 che porta al time out tecnico. Ferretti di furbizia, con il pallone che danza sul nastro, trova il 14-9 e poi entra Gamba come nei parziali precedenti al servizio per Heyrman e realizza l’ace del 17-12. Time out ancora per Bolzano che, però, non serve a cambiare le carte in tavola. Modena tiene il piede sull’acceleratore e in fast Heyrman chiude 25-17.

La centrale Laura Heyrman: “Oggi non è stato facile soprattutto all’inizio perché stiamo lavorando tanto in palestra sia a livello di tecnica che di sala pesi. Potevamo aspettarci di non essere nella miglior forma, ma l’importante era riuscire a vincere, prendere i tre punti e questo è ciò che abbiamo fatto. La rincorsa al quarto posto? Ormai non cambia tanto raggiungere il quarto posto o chiudere al quinto, che dopo questa partita è matematico, giocheremo sempre contro la medesima squadra. L’obiettivo essendo già quinti a questo punto è quello di andare avanti a lavorare e arrivare ai playoff nel migliore dei modi. Sarà importante la partita con Bergamo per l’atteggiamento che dovremo avere, loro sono una bella squadra, ma noi giocheremo in casa e questo è importante. Vogliamo ritrovare le giuste sensazioni, vogliamo tornare a sentirci al meglio in campo e abbiamo due settimane per farlo vista la sosta per la Final Four di Coppa Italia. Vogliamo raggiungere questo obiettivo”.

Il coach Alessandro Beltrami: “L’obiettivo di oggi erano i tre punti, sapevamo e l’ho detto prima della partita che avevamo avuto una settimana travagliata, dove abbiamo lavorato poco e questo ci manca perché poi perdiamo ritmo e intensità, che secondo me abbiamo ritrovato durante la partita. Mi spiace perché sembra sempre di giustificarsi, ma questa squadra è lo specchio di quel che dicevo prima: quando ci alleniamo bene riusciamo a partire e giocare intensamente, quando non riusciamo ad allenarci al meglio ci sono dei problemi tecnici e qualitativi che dobbiamo sistemare. Oggi era importante fare i tre punti, ma sono contento della prestazione perché già il primo set non è andato come ci si poteva aspettare vista la grande distanza a livello di punti in classifica fra noi e loro, ma non è che loro non giochino perché l’altra settimana hanno perso due set ai vantaggi con Piacenza. Devono salvarsi e noi non eravamo sicuramente brillantissime, cosa che poi siamo diventati nel corso della partita quando abbiamo diminuito gli errori, trovato soluzioni e messo più qualità soprattutto in ricezione. Ci serve perché è stata una buona reazione, da squadra quasi matura. Dobbiamo lavorare per diventarlo del tutto in vista dei playoff. L’obiettivo di classifica a questo punto? Sicuramente Novara, ma vogliamo fare bene per prendere il ritmo che ci servirà ai playoff, benissimo che arrivi a questo punto una settimana di pausa perché bisogna staccare e lavorare per tornare a giocare al meglio. La cosa che mi spiaceva di più e che vedevo una squadra preoccupata nei primi set, che non riusciva a divertirsi perché era consapevole della situazione, dei problemi di questo periodo e alla fine è anche tornato il sorriso giocando. Dobbiamo essere un po’ così, spavaldi perché è andata bene nel girone di ritorno con questo atteggiamento e anche domenica con Conegliano. Forse abbiamo superato nel migliore dei modi, oltre quelle che potevano essere le previsioni questo periodo fatto di infortuni, malattie e quant’altro. Adesso riassetiamoci e ripartiamo”.

PROSSIMO APPUNTAMENTO: sabato 26 marzo, alle ore 20:30 presso il PalaPanini di Modena, venticinquesima giornata di Master Group Sport Volley Cup Serie A1 fra Liu•Jo Modena e Foppapedretti Bergamo.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *