Vacanze sulla neve, 11 milioni di italiani tra gennaio e marzo

342

Vacanze – Gli italiani amano le vacanze che siano estive od invernali poco cambia!

Sono 11 milioni – secondo le rilevazioni di Federalberghi – quelli che sono partiti tra gennaio e marzo, con un incremento di circa il 4,3% rispetto al 2018 (10,5 milioni).


Che sia per un week end o per un’intera settimana di riposo, che sia per sciare, fare snowboard o semplicemente prendere il sole in alta quota gli italiani non hanno rinunciato alla settimana bianca: sono 11 milioni – secondo le rilevazioni di Federalberghi – quelli che sono partiti tra gennaio e marzo, con un incremento di circa il 4,3% rispetto al 2018 (10,5 milioni). Di questi circa 6,2 milioni hanno effettuato o effettueranno la classica settimana bianca (+6,1% rispetto al 2018), mentre 4,8 milioni hanno scelto di concentrare le proprie vacanze nei week end (+2,1%). Il giro di affari complessivo sarà pari a 8,2 miliardi di euro, con una crescita complessiva dell’11,9% rispetto ai 7,3 miliardi dello scorso anno. Di questi, 4,6 miliardi sono relativi alle settimane bianche e 2,7 miliardi sono stati spesi durante i week end.

E la scelta premia in gran parte le nevi italiane dal Veneto alla Val d’Aosta: il 95,9% (rispetto al 94,6% del 2018) rimane Italia e le regioni più gettonate sono il Trentino-Alto Adige che si conferma leader con il 21,9% della domanda, seguito da Lombardia (14,6%), Valle d’Aosta (12%), Piemonte (11,7%) e Friuli-Venezia Giulia (9,4%). Segue il Veneto con una lieve crescita rispetto al 2018 (8% contro il 5,3%).

“Ciò che i numeri ci dicono oggi – dice il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca – è che l’Italia per il turismo bianco si conferma in pole position tra le mete favorite dei nostri concittadini. Bello pensare che la montagna sia un prodotto così ambito e riconosciuto da far muovere una così ampia popolazione di turismo interno. Il turismo non delude mai e va sostenuto: non dimentichiamo che questo Paese ha bisogno di investimenti, ma nella legge di bilancio vedo poche misure che vanno in questa direzione”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *