Frate Emiliano ed i tre mali della Chiesa

Frate Emiliano – I TRE MALI DELLA CHIESA

I veri nemici della Chiesa sono all’interno e non all’esterno. La zizzania misteriosamente cresce
insieme al grano buono, per permissione divina, poi sappiamo che Dio trae dal male il bene per la
nostra santificazione. Questi sono i tre mali, che papa Francesco, cita spesso nei suoi discorsi:

1) LO SPARLARE DEGLI ALTRI
Perché sparliamo degli altri? Perché fondamentalmente siamo infelici. Una vita felice non
ha tempo di sparlare e mettere il “naso” nella vita degli altri. Nello sparlare degli altri
abbiamo bisogno di trovare la nostra sicurezza ed è un modo per ripulirsi la coscienza dai
propri peccati. Ci sentiamo sicuri se controlliamo il mondo intorno a noi e ci sentiamo
superiori agli altri. Questa è una falsa sicurezza, perché la felicità consiste nell’abbandono
del potere, del volere e dell’essere. Questo è il cammino del silenzio.
Papa Francesco: “Non giudichiamo. Non siamo ispettori delle vite altrui, ma promotori del
bene di tutti”.

2) LA CALUNNIA
Inventare una calunnia nei confronti degli altri ci fa sentire megalomani. L’abbassare gli altri
ci fa sentire superiori agli altri. Chi accusa si giustifica, chi accusa ha degli scheletri negli
armadi, chi accusa ha del marcio dentro che sputa nel gettare fango agli altri. Ricordiamoci
sempre che il grande calunniatore è Satana e quando calunniamo siamo strumenti del male.
Papa Francesco: “La calunnia è un cancro diabolico… nasce dalla volontà di distruggere la
reputazione di una persona, aggredisce anche il resto del corpo ecclesiale e lo danneggia
gravemente quando, per meschini interessi o per coprire le proprie inadempienze, ci si
coalizza per infangare qualcuno”

3) L’INVIDIA
L’invidia è un veleno mortale. L’invidioso “rosica” per la felicità dell’altro, ma è triste e solo,
non vede ne se stesso e ne gli altri. Chi invidia vuole “abortire” il sogno di Dio che c’è
nell’altro. L’invidioso, prima o poi, si scopre da solo o viene scoperto. Allora gli umili
saranno i primi e gli invidiosi saranno gli ultimi.
Papa Francesco: “Fa bene apprezzare le qualità altrui, riconoscere i doni degli altri senza
malignità e senza invidie. L’invidia! L’invidia provoca amarezza dentro, è aceto sul cuore.
Gli invidiosi hanno uno sguardo amaro. Tante volte, quando uno trova un invidioso, viene
voglia di domandare: ma con che ha fatto colazione oggi, col caffellatte o con l’aceto?!
Perché l’invidia è amara. Rende amara la vita. Quant’è bello invece sapere che ci
apparteniamo a vicenda, perché condividiamo la stessa fede, lo stesso amore, la stessa
speranza, lo stesso Signore. Ci apparteniamo gli uni gli altri: e questo è lo splendido di dire:
la nostra Chiesa! Fratellanza.

frate Emiliano Antenucci




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *