Thailandia Pattaya Kombat Village – Se ne è andato Christian Daghio, leggenda della Muay Thai

25

Christian Daghio leggenda della Muay Thai è spirato. Il 49enne di Carpi, che da anni viveva in Thailandia, è deceduto a seguito di un ko subito nel corso di un match.
Proprietario del Pattaya Kombat Village, lascia la moglie e una figlia piccolina. Daghio è morto a seguito di un brutto ko subito nel corso di un match in Thailandia. Lo rende noto su Facebook, World Fight News. Dal 1996, viveva in Thailandia dove gestiva dal 2006 una scuola di thai boxe. Nel 2007 aveva conquistato il titolo di Campione thailandese; mentre nel 2010 conquistò la cintura mondiale WMA, riconquistata l’anno scuccessivo. Con la nazionale italiana, ha vinto tre medaglie di bronzo; due ai campionati europei (Pafos e Mosca) e una nel campionato mondiale disputato a Caorle. Christian Daghio ha disputato 170 incontri vincendone 131.

E’ morto come voleva: combattendo”, sono queste le parole del fratello Fabrizio e non potevano essere altre considerato che si parla di Christian Daghio, il pluricampione mondiale di Thai Boxe. Si è spento infatti dopo una settimana di coma nell’ospedale di Bangkok, ma il crollo è avvenuto sul ring, a causa dei traumi riportati durante un incontro per il titolo mondiale di boxe (pesi supermedi) lo scorso venerdì 26 ottobre.

Era stato il primo italiano ad essere ammesso a combattere in Thailandia, patria di questo sport. In carriera Daghio oltre ai sette titoli mondiali di thai boxe (l’ultimo nel 2016) aveva vinto un europeo, tre bronzi fra europei e mondiali con la nazionale. In totale, 142 incontri vinti su 186. Nel pugilato invece vantava 31 vittorie su 31, 27 di queste per ko. Era tornato sul ring lo scorso giugno, nonostante l’età, dopo un anno di stop”.

Già, nonostante l’età perché Daghio aveva 49 anni ma non si era mai arreso agli acciacchi dell’età, come racconta oggi la zia Giorgina “l’ultima volta che è tornato gli avevamo detto di smettere con gli incontri e di dedicarsi all’insegnamento. Ma lui non ci voleva ascoltare, amava troppo il ring”, tutto vero, per lui il combattimento era una vera filosofia di vita, un punto di vista molto orientale, tant’è che dal 2006 aveva deciso di trasferirsi a Pattaya dove aveva realizzato il suo sogno di fondare un villaggio turistico-palestra che aveva chiamato Kombat Group e che riuniva ogni anno appassionati di arti marziali da tutto il mondo.

I titoli Thai Boxe del campione di Carpi, come già detto, sono innumerevoli, sette volte sul gradino del podio più alto, poi il passaggio alla boxe dove continua la sua serie di vittorie. Stava vincendo ai punti anche quell’ultimo incontro, contro Don Parueang, 12 anni più giovane, quando alla dodicesima ripresa è caduto per una serie di colpi subiti, poi si è rialzato, ne ha incassato un altro che lo ha mandato in coma, come racconta il fratello al Resto del Carlino “La prima volta che è caduto si è rialzato malgrado barcollasse – spiega – ma il colpo successivo lo ha mandato in coma.

Lascia una compagna e una figlia di appena 5 anni. Una tragedia, per quella che è stato una delle maggiori eccellenze italiane sportive, un guerriero incapace di perdere. Sempre il fratello conclude dicendo “E’ morto come voleva morire. Non ho rimpianti perché lui era fatto così, diceva di voler combattere fino a 80 anni. Il ring era la sua vita, è morto da campione”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *