Allertati Eurofighter : giallo nei cieli italiani

128

aereo Eurofighter 2

Le tensioni provocate dall’abbattimento dell’aereo russo in Turchia hanno lasciato il segno anche negli spazi aerei italiani dove, questa mattina, la tensione è stata alta.

Infatti un aereo Jet privato Falcon  900 non ha risposto ai controllori di volo causando l’immediata partenza di due caccia .

L’allarme è stato dato al 4° Stormo dell’Aeronautica militare a Grosseto. Due caccia Eurofighter si sono alzati in volo secondo una procedura di “scramble” (“decollo immediato”) e in pochi minuti hanno affiancato il Falcon, comunicando con l’equipaggio.

Una volta accertato che il silenzio radio del jet executive era dovuto a un problema tecnico, i due Eurofighter hanno fatto rientro alla base.

Tutto è bene ciò che finisce bene ma quest’episodio evidenzia la tensione di un nuovo caso Russia-Turchia ma soprattutto la paura di attentati con il Giubileo della Misericordia alle porte e le minacce dei terroristi. La paura è che possano essere effettuati voli suicidi come avvenne negli attacchi alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2011.

Più volte è stata sottolineata  sottolineare l’efficienza ed il livello di prontezza del sistema difensivo nazionale, potenziato dopo l’11 settembre. Procedure standard, regole d’ingaggio precise, una catena di comando e controllo con compiti delineati.
Ma, se da una parte l’Aeronautica ci garantisce una reazione immediata ed efficace, dall’altra non è chiaro come potrebbe essere gestita una situazione d’emergenza che vedesse un aereo civile dirottato da terroristi-kamikaze e utilizzato per un attacco verso obiettivi sensibili.
A differenza di quel che accade in altri paesi, in Italia la legge non permette di abbattere aerei civili per nessuna ragione. In Francia, in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, a seguito degli attacchi al World Trade Center e al Pentagono sono state attivate, mediante dispositivi di legge ad hoc, delle catene di responsabilità che risalgono fino massimo vertice dell’Esecutivo. Un provvedimento legislativo simile andrebbe quantomeno discusso anche in Italia.

 

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.