Siria – Il vescovo di Aleppo: L’intervento di Putin è importante non solo per le operazioni militari ma anche perché promuove attivamente il processo di pace

129

aerei russi 2
Putin e e la Russia aiutano concretamente la Siria. Questa dichiarazione non giunge dalla faziosità di qualche politico, da qualche fan del presidente russo oppure da qualche multinazionale pagata ma da una voce insospettabile, quella del vescovo cattolico di Aleppo George Abu Khazen.

Per noi l’intervento russo costituisce un vero tentativo di combattere il terrorismo – spiega il vescovo – Ma la cosa più importante è che le operazioni militari vanno di pari passo con la promozione del processo di pace. La maggioranza del popolo siriano vede la campagna militare russa come una salvezza, come una via di fuga dalla situazione in cui ci siamo trovati impantanati negli ultimi cinque anni.”

“Questo – prosegue il francescano inviato ad Aleppo da papa Francesco nel 2013 – perché l’azione dei russi non si limita alle operazioni militari: la Russia promuove il dialogo fra le varie componenti della società siriana e gioca un ruolo molto positivo nello stimolare il processo di pace.”

Le dichiarazioni del vescovo giungono appena una settimana dall’incontro di papa Francesco con il patriarca della chiesa ortodossa di Russia, Kirill. Un incontro che ha segnato una tappa storica nel processo di avvicinamento tra le chiese d’Oriente e di Occidente e che anche in Medio Oriente sancisce una ritrovata comunità d’intenti fra le differenti confessioni cristiane.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.