Calcio -Serie A – Si conclude in parità il derby di Torino

Calcio – La Juventus irresistibile sembra essersi appannata. Sarà stato il contraccolpo dell’eliminazione dalla Champions League, sarà stata la vittoria matematica del Campionato, certo i bianconeri  sono quasi irriconoscibili. Dopo il pareggio tutt’altro che esaltante di Milano contro l’Inter ecco un’altra posta divisa ma, questa volta, nel derby contro il Torino. Ad onor del vero sarebbe potuta andare ancor peggio se Ronaldo non avesse agguantato il pari all’84esimo minuto.

Ma andiamo arivedere la partita nel dettaglio. E’ primario sottolineare ed applaudire la bella iniziativa della curva dei tifosi della Juventus ‘Scirea’ che ha voluto omaggiare il Grande Torino con uno striscione esposto al 66′ del derby giocato all’Allianz Stadium.

Allegri, privo di 9 infortunati, schiera un 4-4-2 con Ronaldo e Kean in attacco. In mezzo al campo Pjanic e Matuidi con Cuadrado e Bernardeschi esterni. Al centro della difesa Chiellini e Bonucci con Cancelo e Spinazzola terzini. Mazzarri risponde col 3-4-2-1 con Belotti punta avanzata e Meite e Berenguer a supporto. A centrocampo Lukic e Rincon con De Silvestri e Ansaldi esterni. Difesa a tre formata da Izzo, Nkoulou e Bremer. Comincia meglio la Juventus che nei primi 10 minuti sembra in controllo e prova a passare con Kean e Bernardeschi. Poi si sveglia il Torino quando al 14′ Belotti impegna Szczesny. Risponde ancora Kean che cerca Ronaldo ma Izzo in anticipo salva i suoi. Al 17′ il gol granata che è in pratica un regalo juventino: rimessa laterale di Bonucci verso Pjanic che non controlla e non rinvia, e quindi deve inseguire Lukic che penetra in area e col destro insacca.

La Juventus reagisce e al 19′ Sirigu deve salvare su un bel sinistro al volo di Matuidi. Poco dopo Ronaldo fa esplodere un destro da fuori che termina di nulla sul fondo. Al 25′ si rivede Kean ma per due volte la sua conclusione viene respinta da Nkoulou, mentre un minuto dopo CR7, servito da Cuadrado, conclude altissimo. Facile invece la parata di Sirigu al 36′ su un altro tiro da lontano di Cristiano. Il Torino in difesa è compatto e impedisce ai cross bianconeri di essere incisivi.

Nella ripresa i bianconeri alzano il ritmo con il trascorrere dei minuti, spingendo soprattutto sul fronte sinistro. De Silvestri non viene adeguatamente coperto e Spinazzola ha libertà di azione. L’esterno ci prova personalmente dal limite, ma la conclusione è sballata. Quindi tocca a Kean girare su se stesso e concludere di sinistro: Sirigu c’è. Il portiere non può però nulla a 6′ dalla fine, quando Spinazzola si libera sulla fascia e trova in area CR7 pronto ad andare in elevazione, bruciando sul tempo Bremer. Per il portoghese è la rete numero 21 nella rincorsa alla vetta della classifica dei marcatori, l’unico obiettivo rimasto aperto nella stagione bianconera. Il Toro esce imbattuto dall’Allianz, un 1-1 come due anni fa, e rimane in ballo per l’Europa. Il modo migliore per celebrare sabato 4 maggio i 70 anni della tragedia di Superga, ricordando il Grande Torino.

TABELLINO

JUVENTUS (4-4-2): Szczesny; Joao Cancelo, Bonucci, Chiellini, Spinazzola; Cuadrado (33′ st Pereira), Pjanic, Matuidi, Bernardeschi (40′ st De Sciglio); Kean, Cristiano Ronaldo. A disposizione: Muratore, Barzagli, Del Favero, Caceres, Nicolussi Caviglia, Pinsoglio. Allenatore: Allegri

TORINO (3-5-2): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Bremer; De Silvestri (45′ st Zaza), Meité, Rincòn, Lukic (34′ st Aina), Ansaldi; Belotti, Berenguer (25′ st Baselli). A disposizione: Damascan, Ichazo, Millico, Singo, Rosati. Allenatore: Mazzarri

ARBITRO: Orsato di Schio

MARCATORI: 18′ pt Lukic (T), 39′ st Ronaldo (J)

NOTE: Ammoniti: Matuidi, Bonucci, Bernardeschi (J), Rincon, Lukic, Bremer (T). Recupero: 0′ e 5′.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *