Inter avanti: sconfitto il Getafe in Europa League

19

Inter avanti: la compagine di Conte non fallisce l’ottavo di finale secco contro il Getafe e stacca il pass per i quarti. Bella partita con tante occasioni. Lukaku sblocca nel primo tempo, Eriksen (appena entrato) chiude il match nella ripresa, poco dopo il rigore del potenziale 1-1 fallito da Molina. Ora Conte affronterà il Bayer Leverkusen.

L’Inter scende in campo con gli stessi undici dell’ultima di campionato: Conte non cambia niente confermando Lautaro e Lukaku davanti, con Eriksen e il neo acquisto (definitivo) Sanchez in panchina. 4411, invece, è il sistema scelto da Bordalas, che toglie un attaccante e si gioca un centrocampista in più. Chiara mossa di contenimento anche se l’avvio del match, in realtà, racconta di un Getafe molto aggressivo, e vicino al gol due volte nei primi venti di gioco. Dopo novanta secondi Handanovic è super su Maksimovic (il jolly che oscilla tra centrocampo e attacco), dunque Bastoni si immola su tiro a botta sicura di Mata. L’Inter, però, reagisce. Prima prende campo e dunque attacca. Solo al 25′ il primo tiro, ma anche primo di tre in quattro minuti. Si avvicina al gol Lautaro due volte – in area con un diagonale e col destro a giro dal limite, trovando due volte una grande risposta di Soria – e poi anche D’Ambrosio da palla inattiva. Il classico preludio al gol. Al 33′ Lukaku palesa tutto il suo strapotere fisico col malcapitato Etxeita, spazzato via nel duello di forza prima del diagonale macino in area che vale l’1-0. Trenta stagionali e ottava partita di fila in rete in Europa League per lui (pareggiato il record storico di Shearer). Intervallo.

Nella ripresa i nerazzurri ripartono da dove avevano lasciato. Barella sfiora il palo e D’Ambrosio cerca l’eurogol in rovesciata. Bordalas manda in campo il secondo attaccante, Angel, dunque anche Molina e Jason. Sanchez è invece la prima mossa di Conte, poco dopo un’altra grande parata di Handanovic su un colpo di testa in area. Ma il vero momento spartiacque è al 74′, quando Godin tocca col pugno in area e Taylor, dopo lunga revisione Var, concede il rigore. Molina va sul pallone ma manda largo, e l’Inter tira un sospiro di sollievo. Passano pochi minuti e il rigore (ma in movimento) è per i nerazzurri con Lukaku, che spreca clamorosamente in area col destro. Poco male per Conte: Eriksen, appena entrato, chiude il match su svirgolata di Djené in area. Il punto definitivo sul match. L’Inter è alle Final Eight.

Antonio Conte a fine partita: “È stata una gara vissuta sapendo un po’ delle difficoltà che la gara poteva avere – dice -. Il Getafe è partito forte, noi abbiamo sbagliato un’uscita con De Vrij. Loro cercavano il cross, la mischia, andavano su palle sporche: sono partiti meglio, poi noi abbiamo iniziato a giocare, ci sono state occasioni per fare gol, ne abbiamo realizzato e va bene così. È stata una gara “sporca”, quando ci dovevamo sporcare ci siamo sporcati. I ragazzi sono cresciuti in cattiveria e determinazione: questo è stato uno step che ci è mancato durante l’anno e quindi sono molto contento. Per noi andare avanti in Europa rappresenta un’obiettivo importante, ci serve esperienza. Sono contento per la prestazione e per quello che hanno dato i ragazzi”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *